Extjs: Prime impressioni

In questi giorni passo gran parte del mio tempo davanti allo schermo cercando di capire come approcciare nel modo corretto alla libreria javascript nominata titolo.

Che dire, l’espressione curva di apprendimento alquanto ripida che viene usata spesso riguardo alla libreria, è, per me un eufemismo. La documentazione disponibile è scarsa, almeno quella che sono riuscito a reperire, ed i demo, per quanto affascinanti, sono insufficienti. Cercare di sviluppare qualcosa di poco meno che standard è, inizialmente, una pena. L’approccio migliora, almeno spero, con il tempo e l’uso. Non ne sono sicuro ma ho indizi confortanti a riguardo.

Per ultimo Non ho trovato libri che trattino l’utilizzo della libreria in maniera un po più che superficiale.

Di contrasto la documentazione delle API della libreria è esaustiva anche se, a mio parere, un po’ troppo concisa.

Sarò stato frettoloso e superficiale in questa mia disamina? Non lo so. L’unica cosa che so è che le potenzialità che intravedo mi affascinano e che continuerò ad utilizzarla ed a scrivere dei miei progressi.

Quasi stavo per dimenticare qualche link che potrà esservi d’aiuto, per me sono diventati così familiari da darli per scontati.

Ovviamente la homepage della libreria è www.extjs.com, esiste anche un breve tutorial in italiano (indovinate chi l’ha tradotto? 🙂 ).

Altre informazioni ed esempi potrete trovarli anche nel sito personale di Jozef Sakalos, aka Saki.

E questo, per ora, è tutto

Firefox world record: aggiornamenti

Download Day 2008

Sono le 10:04 di mercoledì 18 Giugno. Firefox veleggia ormai oltre i 5.000.000, diconsi cinque milioni, di download ed ha cosi centrato l’obiettivo dichiarato. Per la precisione si tratta di 5.055.749 scaricamenti completati.

Se non avete ancora scaricato la vostra copia non vi resta che farlo dal Firefox Headquarter ed entrate così nella storia.

Si, lo so, nella storia sembra decisamente esagerato anche a me, diciamo nella cronaca.

E’ vero, anche io penso che la cronaca non sarà poi così scossa da questo evento.

Partecipate anche voi al successo di questo straordinario evento di marketing.

Ed una volta scaricato il software (ne vale proprio la pena, fosse solo per la gestione dei segnalibri) avrete diritto anche voi ad un’attestato che vi metta in grado di provare il vostro coinvolgimento nel tentativo.

Avete tempo fino alle 20:16 di oggi ,il banner con il link è sempre in cima al post se non avete voglia di cercarlo, ci sono stati alcuni problemi nei setup e l’avvio dell’impresa è stato rimandato di poco più di un’ora.

Se il certificato non vi basta e vorrete seguire più da vicino la questione non vi resta che affidarvi a twitter

E questo è tutto.

P.S. Sono le 10:29 ed il contatore dei download segna quota 5.189.97.

134000 download in meno di mezzora. keep rolling

Edit: Se 8.000.000 di download vi sembran pochi …

17 Giugno 2008, ore 19:00. Firefox Download record.

Download Day 2008

Oggi è il gran giorno. Mozilla Foundation tenta di stabilire il record di download di un singolo programma in un giorno. Un’impresa a doppio taglio, se verranno superati, mi auguro di molto, il milione e seicentomila download di firefox 2 effettuati nel suo primo giorno di disponibilità, non si potrà che festeggiare. In caso contrario spero che non ci siano troppi critici a preannunciare una disaffezione nel confronto del miglior browser in circolazione (al momento ed a mio sindacabilissimo giudizio).

Questa mattina, appena alzato, o bella, mi dico. E’ tempo di scaricare firefox 3! e mi sono precipitato sul sito pronto a  scaricare qualunque cosa e mi accorgo che non c’è nulla di nuovo sotto il sole.

Che si siano dimenticati di avermi inviato una email, a me ed ad altre 1520442 persone?

Dopo lunghi minuti di frenetica ricerca, appena sveglio non sono granché lucido, mi trovo davanti ad un feed twitter che spiega l’arcano. Si parte alle 10:00 del mattino (e qui c’ero) ora degli Stati Uniti Occidentali, Pacifico, l’ultimo fuso (qui ero in aticipo di circa 10.000 km).

Diecimila chilometri che si traducono in 9 ore di attesa.

Tutti pronti al download a partire dalle 19:00 italiane, allora.

L’importanza di chiamarsi Vim

Riprendo, dopo un lungo silenzio, a riportare qualche appunto su queste pagine.

Ovviamente lo faccio con una annotazione di scarsa utilità :).

Chi  usa vi/vim si sarà trovato, voglio sperare di non essere il solo, ad avere alcuni problemi con lo spostamento del cursore in modalità editing. Se, per distrazione, si usano le frecce di direzione per spostarlo prima di aver premuto il nostro fidato <esc>, ci si trova con una nuova riga contenente un solo carattere che cambia a seconda della direzione che volevamo far prendere al nostro cursore. E più volte lo si preme (repetita juvant) più righe appaiono.

Se il problema si verifica, non è detto, infatti, che la vostra installazione lo evidenzi, la soluzione è tanto breve quanto banale: invocare vim con il suo nome esteso, vim appunto, piuttosto che con il più tradizionale e conciso vi (che mette vim in modalità compatibile con vi e genera il problema).

Se volete continuare ad invocare vi ma non volete che il problema si ripresenti non vi serve altro che un semplice alias per risolvere il tutto: alias vi=’vim’

E questo e tutto (che per un post che può essere riassunto in – chiamate vim con il suo nome invece che vi – mi sembra abbastanza)