Tempo di shopTing

Sono finite le vacanze, iniziati i saldi: è tempo di shopting. Ovviamente non vi sto incitando a spendere i pochi soldi che vi sono rimasti in chincaglierie e cianfrusaglie1.

Voglio semplicemente spendere qualche riga su un utile comando che permette di personalizzare la shell: shopt

Continua a leggere “Tempo di shopTing”

Libri da scaricare: Pausa di riflessione

Il 2009 è cominciato, per me, già ricco di impegni ed il tempo in questo periodo è diventato particolarmente tiranno.Non riesco a seguire il blog come vorrei e, men che meno, ad aggiornare la rubrica libri da scaricare.

I libri in italiano che conosco che hanno a che fare con l’informatica, anche in senso lato, cominciano a scarseggiare. Ne ho sott’occhio giusto un paio che, a mio parere, valgono una citazione e non vorrei inquinare la collezione.  Segnalare dei libri non di alto livello per il solo scopo di mantenere una pseudo periodicità alla lunga si rivelerà, ne sono sicuro, un errore.

Penso sia saggio prendersi una pausa di riflessione per decidere il da farsi:

  • Aumentare l’intervallo delle segnalazioni ad un mese
  • o passare a segnalare anche ebook disponibili in inglese.

Le due soluzioni non sono alternative, potrei essere costretto ad applicarle entrambe.

Ovviamente è sottinteso che scrivo tutto questo dall’alto della mia ignoranza e che sono sempre disponibile ad accettare segnalazioni di ebook, rilasciati con licenze libere, che vale la pena di scaricare e leggere. Va da se, nel pieno spirito dei commons, che le segnalazioni, e chi le ha fatte, avrebbero tutta l’evidenza del caso.

Da un certo punto di vista, cambiare lingua mi pare una forzatura della rubrica, d’altro canto ogni bravo programmatore deve essere in grado di leggere, almeno, l’inglese.

Scritto questo mi siedo sulla riva di questo fiume digitale in attesa di consigli sul da farsi.

Palm Pre. Il vostro prossimo telefono?

Avrei voluto iniziare, naturalmente in ritardo, il 2009 con un bilancio del mio anno passato da questa parte della rete ma, al solito, il mondo va avanti per la sua strada mentre io resto a rigirarmi i pollici.

Palm ci riprova per, forse l’ultima volta. Qualche anno addietro, dopo aver avuto il monopolio dei device palmari, avrebbe avuto in mano il mercato dei netbook con il foleo, eee ante litteram (ma con display da 10 pollici e 5 ore di autonomia). Il progetto rimase lettera morta a poche settimane dal lancio, tanto che oggi, dopo appena due anni, non se ne trovano tracce neanche tra gli usati di ebay.

Stavolta con il palm pre pare poter scuotere il mercato dei telefoni. Stavolta non ha inventato niente di nuovo, anzi si sta infilando nella nicchia di mercato presidiata da Iphone di Apple. Il telefono, con una siluette molto morbida, ha qualche asso nella manica che poterbbero trasformarlo in un prodotto vincente. Il sistema operativo linux e le applicazioni interamente programmabili utilizzando html (5), css e javascript possono essere la mossa vincente scalzando il nascente Android dalla lista dei sistemi di punta del 2009 . Se il telefono rispetterà tutte le aspettative non ci saranno nuove tecnologie da imparare per poterlo programmare e si potrebbe, da subito, sfruttarlo al meglio. O almeno provarci.

L’importante è che Palm si affidi a standard ben consolidati e non faccia colpi di testa, il connettore usb standard e l’ambiente w3c sembrano andare nella giusta direzione. Anche il prezzo, indicato non ufficialmente intorno ai 200$ USA(anche se ho paura che si tratti del prezzo con in omaggio il solito contratto capestro con qualche compagnia telefonica), mi pare quello giusto per contrastare l’iphone, il suo rivale naturale.

Purtroppo, e lo dico da utente palm della prima ora, ci sono tutte le premesse perché Palm ci dimostri quanto in fondo riesce a scavare degli spettacolari buchi nell’acqua. Insomma ci sono tutte le condizioni per temere che si stia preparando ad una delle sue solite performance: periferiche che sulla carta si rivelano ottime arrivano sul mercato quando ormai obsolete oppure con prezzi troppo alti.

Ancora è presto per azzardare previsioni e confronti con altri telefoni già commercializzati, Palm prevede di lanciare il prodotto sul mercato questa primavera. Sulla carta le potenzialità del prodotto sono buone ma tre mesi sono un’eternità. In tempi di recessione, poi, il lancio potrebbe rivelarsi una corsa contro il tempo persa in partenza.

Spero di no ed incrocio le dita.