Experimentalia

Appunti raminghi

Palm Pre. Il vostro prossimo telefono?

with 2 comments

Avrei voluto iniziare, naturalmente in ritardo, il 2009 con un bilancio del mio anno passato da questa parte della rete ma, al solito, il mondo va avanti per la sua strada mentre io resto a rigirarmi i pollici.

Palm ci riprova per, forse l’ultima volta. Qualche anno addietro, dopo aver avuto il monopolio dei device palmari, avrebbe avuto in mano il mercato dei netbook con il foleo, eee ante litteram (ma con display da 10 pollici e 5 ore di autonomia). Il progetto rimase lettera morta a poche settimane dal lancio, tanto che oggi, dopo appena due anni, non se ne trovano tracce neanche tra gli usati di ebay.

Stavolta con il palm pre pare poter scuotere il mercato dei telefoni. Stavolta non ha inventato niente di nuovo, anzi si sta infilando nella nicchia di mercato presidiata da Iphone di Apple. Il telefono, con una siluette molto morbida, ha qualche asso nella manica che poterbbero trasformarlo in un prodotto vincente. Il sistema operativo linux e le applicazioni interamente programmabili utilizzando html (5), css e javascript possono essere la mossa vincente scalzando il nascente Android dalla lista dei sistemi di punta del 2009 . Se il telefono rispetterà tutte le aspettative non ci saranno nuove tecnologie da imparare per poterlo programmare e si potrebbe, da subito, sfruttarlo al meglio. O almeno provarci.

L’importante è che Palm si affidi a standard ben consolidati e non faccia colpi di testa, il connettore usb standard e l’ambiente w3c sembrano andare nella giusta direzione. Anche il prezzo, indicato non ufficialmente intorno ai 200$ USA(anche se ho paura che si tratti del prezzo con in omaggio il solito contratto capestro con qualche compagnia telefonica), mi pare quello giusto per contrastare l’iphone, il suo rivale naturale.

Purtroppo, e lo dico da utente palm della prima ora, ci sono tutte le premesse perché Palm ci dimostri quanto in fondo riesce a scavare degli spettacolari buchi nell’acqua. Insomma ci sono tutte le condizioni per temere che si stia preparando ad una delle sue solite performance: periferiche che sulla carta si rivelano ottime arrivano sul mercato quando ormai obsolete oppure con prezzi troppo alti.

Ancora è presto per azzardare previsioni e confronti con altri telefoni già commercializzati, Palm prevede di lanciare il prodotto sul mercato questa primavera. Sulla carta le potenzialità del prodotto sono buone ma tre mesi sono un’eternità. In tempi di recessione, poi, il lancio potrebbe rivelarsi una corsa contro il tempo persa in partenza.

Spero di no ed incrocio le dita.

Written by Eineki

gennaio 10, 2009 a 4:53 am

Pubblicato su linux

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Incrocio le dita anche io. Sono un ex-utente di Palm, e sono passato a un device con WindowsMobile6 (htc) solo perchè integrava il telefono.
    Devo ammettere che per cose come appuntamenti, calendario etc, il mio PalmT3 era una scheggia ed era anche molto più semplice e completa la visualizzazione a colori degli impegni. A colpo d’occhio sul mese o sulla settimana sapevi “come buttava”. WM6 è ridicolo in confronto, purtroppo. Il mio device, lentissimo, ci mette minuti (!) per fare una ricerca fra gli appuntamenti passati o fra le note. UNA DELUSIONE enorme.
    Se PalmPre, anche un OS diverso dal Palm OS di un tempo avesse conservato un po’ di “palm-spirit” di un tempo…Sarei il primo a comprarlo.

    Paolo

    gennaio 10, 2009 at 11:22 am

  2. @Paolo Cosa vuoi che ti dica, Il mio TX giace semi inutilizzato, lo uso come un’agenda elettronica e poco più, quando potrei farci meraviglie.

    Le applicazioni GPS, ad esempio, non lo considerano più appetibile, e stiamo parlando del top della gamma di palmari della Palm.

    Le nuove versioni dei vari TomTom e Nuvi non lo prendono in considerazione (e le vecchie non si trovano). Come MP3 player non mi fa assolutamente rimpiangere i vari ipod o zune o stone o che altro
    ma anche quel software è ormai anni che non viene aggiornato (ma finché va… continuo a incrociare le dita).

    eineki

    gennaio 12, 2009 at 22:45 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: