Experimentalia

Appunti raminghi

Archive for giugno 2009

Libri da scaricare: Ebook ovvero ne E ne book

leave a comment »

Ebook ovvero né e né book

Ebook ovvero né e né book

E’ un po’ che penso di recensire questo libro. Metto subito le mani avanti dicendo che non si tratta di un testo tecnico ma della trascrizione di una presentazione incentrata sulle implicazioni sociali della diffusione sempre più capillare degli ebook.

Cominciamo subito a dire che gli ebook di cui parla Doctorow non sono i lettori hardware che si stanno diffondendo, a fatica, in questo periodo. Non si parla neanche di un particolare formato per la loro codifica. Per Doctorow un ebook non è  che la trasposizione elettronica della sua controparte cartacea. E questo apre una serie di possibilità che ai testi tradizionali sono preclusi.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Written by Eineki

giugno 28, 2009 at 6:20 am

Pubblicato su ebook, recensioni

Se Evolution (mail) non ripristina il proprio backup

with 2 comments

Tema

Come hai passato il fine settimana appena trascorso?
(Hai fretta? Non ti va di leggere tutta la storia? Salta alle conclusioni!)

Svolgimento

Questo weekend il tempo era perfetto per andare al mare. Cosa poteva trattenermi dopo una settimana di passione? L’ultima cosa da fare prima di un meritato riposo era sostituire il disco ad un computer che cominciava a fare le bizze. Leggi il seguito di questo post »

Written by Eineki

giugno 27, 2009 at 5:17 am

Pubblicato su linux, quick fix

Parti in fretta e non tornare – Fred Vargas

leave a comment »

copj13.aspA lui piaceva essenzialmente camminare, rimuginare e agire, e sapeva che parecchi colleghi l’avevano considerato con un pò di rispetto e molta tristezza. «Le carte, – gli aveva spiegato un giorno un ragazzo dalla chiacchiera facile, – la compilazione, il verbale sono all’origine di qualsiasi idea. Niente carte, niente idee. Il verbo fa crescere l’idea come l’humus fa crescere i fagiolini. Ogni atto non consegnato alla carta è un altro fagiolino che muore nel mondo».

In tal caso lui, da quando era sbirro, aveva senz’altro fatto morire vagonate di fagiolini. Ma al termine delle sue passeggiate aveva spesso sentito venire a galla pensieri curiosi. Pensieri che, probabilmente, assomigliavano più ad ammassi di alghe che a fagiolini, ma sempre vegetali erano, come un’idea è sempre un’idea e una volta espressa nessuno viene a domandarti se sei andato a prenderla in un campo coltivato o se l’hai raccattata in un letamaio.

Una volta in piedi o in movimento, quell’impazienza rifluiva come era venuta e Adamsberg ritrovava il proprio ritmo naturale, lento, calmo, costante. Tornò all’anticrimine senza aver fatto alcuna riflessione particolare ma con la sensazione che quei quattro non erano ne’ un graffito ne’ la bravata di un adolescente, e neppure uno scherzo vendicativo. In quella serie di numeri c’era un vago scontento, l’accenno di un disagio.

Arrivato in vista dell’Anticrimine, Adamsberg sapeva che non era consigliabile parlarne a Danglard. Danglard non sopportava di vederlo andare alla deriva sull’onda di percezioni inconsistenti, fonte, ai suoi occhi, di ogni scivolone poliziesco. Nel migliore dei casi lo definiva una perdita di tempo. Adamsberg aveva um bel spiegargli che perdere tempo non era mai tempo perso; Danglard restava risolutamente refrattario a quel sistema di pensieri illeggittimi, privi di un ancoraggio razionale.

Fred Vargas Parti in fretta e non tornare, pag 30 e 52 (nella traduzione di  Maurizia Balmelli e Margherita Botto)

Dopo più di un anno dal finora unico estratto da libri che mi hanno colpito torno a presentarne un’altro. Si tratta di libri veri, di carta, quella che si annusa e si strappa. Per i libri elettronici c’è la solita rubrica.

Questa volta si tratta di qualche spezzone estratto da un giallo onesto, di quelli che non si fanno ricordare negli anni ma che assicurano una piacevole perdita di tempo mentre li si legge. Questo in particolare nascondeva qualche chicca che mi ha piacevolmente sorpreso e rassicurato. I grassetti sono miei, tutto il resto è preso pari pari dal testo. Chissà che non vi venga voglia di leggerlo.

Written by Eineki

giugno 24, 2009 at 6:08 am

Pubblicato su estratti, libro

Social Vibe

leave a comment »

Da qualche giorno wordpess.com ha allentato gli stretti limiti che ha imposto ai suoi utenti sulla pubblicità nei blog (Nessuna pubblicità permessa!) e permette di selezionare della pubblicità sociale.

In pratica basta scegliere un produttore, nel mio caso ho scelto la bodyglove perché era quello che conosco meglio (ho quasi comprato una loro muta una volta ;)). Una volta fatto questo basta scegliere un progetto da finanziare (e questa volta ho scelto un progetto per combattere la pesca industriale delle balene).

Per ogni utente che fa click sul widget lo sponsor, bodyglove, farà una donazione al progetto scelto. Che altro posso dire: fateli spendere.

Written by Eineki

giugno 20, 2009 at 2:23 am

Pubblicato su Varie ed eventuali

Golf Programming: permutazioni

with 8 comments

Proseguiamo con il golf programming con un nuovo problema da risolvere.
Anche questa volta si tratta di un classico (anche se programmarlo secondo le regole del golf me lo ha fatto vedere sotto una nuova luce).

Le Regole

Per che non le ricordasse, e per chi comincia da questa puntata a seguire la rubrica, riporto le regole:

  1. Scrivere un programma, il più breve possibile, che risolva il problema enunciato prima e riportato meglio qui sotto;
  2. per ogni linguaggio utilizzato è considerato vincitore il programma scritto usando meno caratteri;
  3. l’efficienza dell’algoritmo non è un fattore fondamentale ma il programma deve terminare senza errori;
  4. si può optare, se più concisa, per una funzione, piuttosto che un programma intero;
  5. ovviamente non di vince niente se non la soddisfazione di aver accettato una sfida ed averla vinta.

L’algoritmo

L’algoritmo da implementare deve, data una stringa, calcolare tutte le sue possibili permutazioni.
Al solito, un esempio servirà a chiarire tutto meglio di una descrizione formale:

data in input la stringa abc, il programma deve stampare, le stringhe abc, acb, bac, bca, cab e cba.

Ovviamente l’ordine delle stringhe restituite non è importante mentre lo è non riportare ripetizioni: la stringa aba, ad esempio, deve dare come risultato solamente aba, aab e baa.

A parte i soliti rubysti che avranno sicuramente un costrutto nel linguaggio tipo .permuta secondo me si tratta di una sfida stimolante, specie per chi volesse risolverla in ricorsione. Come le altre volte, posterò la mia soluzione nel prossimo fine settimana. Buona sfida.

Written by Eineki

giugno 16, 2009 at 12:15 pm

Primo campionato mondiale di lancio del disco (rigido)

leave a comment »

Primo campionato mondiale(?) di lancio dell'hard disk

Primo campionato mondiale(?) di lancio dell'hard disk

Oggi ho acceso il computer per parlarvi di una iniziativa benefica che mi ha incuriosito non poco.

Se avete avuto a che fare con backup mancati, cluster difettosi, formattazioni periodiche forzate, avrete presente, come me, la frustrazione che vi assale all’improvviso. Se in quei momenti siete riusciti a resistere l’irrefrenabile desiderio di prendere il disco e lanciarlo dalla finestra avrete una seconda chance Domenica 14 Giugno prossimo.

Abaco Computers, una piccola società milanese specializzata nella vendita di personal computer un po’ particolari (tanto che vale la pena dare un’occhiata al loro sito), ha deciso di dare una mano al Gr.A.D.E., una onlus che ha, tra i suoi scopi,  sostenere l’attività del reparto di ematologia dell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.

Accade che dall’11 al 22 Giugno in quel di Reggiolo si svolgerà il Festival della Birra, il cui intero incasso sarà devoluto per la costruzione di un nuovo padiglione dell’Ospedale S.Maria Nuova di Reggio Emilia che dovrà accogliere il Dipartimento Oncoematologico.

Accade, inoltre, che all’interno del festival, per essere precisi dalle 15:30  di domenica 14 Giugno, si svolgerà il primo campionato mondiale di lancio del disco rigido. L’iscrizione costa due euro ma la soddisfazione di sbarazzarvi di quell’hard disc che fa da fermacarte sulla scrivania dopo aver distrutto decine di ore del vostri sudati lavori/compiti/svaghi non ha prezzo.

Sono ammessi dischi di tutte le taglie e formattati con qualunque sistema operativo anche se, riporto dal regolamento,

Alcune versioni di Windows Vista potrebbero venire considerate illecite in quanto molto più pesanti di altri sistemi in gara

Se non avete un disco personale da portarvi appresso potrete usarne uno di quelli messi a disposizione dal comitato organizzatore (parte del divertimento potrebbe scemare, però).

Ci vediamo a Reggiolo, allora?

Written by Eineki

giugno 3, 2009 at 18:10 pm

Libri da scaricare: Opensource. Analisi di un movimento

leave a comment »

Opensource. Analisi di un movimento (copertina)

Opensource. Analisi di un movimento

Questa volta segnalo, per i tipi di openpress (Apogeo) una tesi di laurea “trasformata” in libro qualche anno fa ma ancora attualissima.

Sono passati quasi dieci anni dal rilascio del testo, la seconda di copertina lo data al 2000, ma il taglio storico e didascalico non le fanno sentire il peso degli anni.

In poche parole, troverete al suo interno una classificazione ragionata delle varie licenze disponibili per il rilascio di software libero o opensource, un riassunto sulla storia del software libero dalla sua nascita (meglio sarebbe dire dalla nascita di quello proprietario) fino all’esplosione della moda del free software e di quello economico1.

Il testo potrebbe concludersi qui ed essere comunque fruibile ma l’autore aggiunge dell’altro.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Eineki

giugno 1, 2009 at 4:19 am