Experimentalia

Appunti raminghi

Oggi Sciopero

leave a comment »

SCIOPEROBLOG14LUGLIOTorno a scrivere su questo blog dopo qualche giorno di silenzio per comunicarvi che domani, oggi per chi legge, non scriverò nulla per via dello sciopero sul decreto Alfano.

Le motivazioni dello sciopero si possono riassumere in poche parole: Con il decreto legge viene imposto  l’obbligo di rettifica entro 48 ore per i “titolari di siti informatici”, pena una sazione  tra i ~7500€ ed i ~12500€ (si tratta di un emendamento ad una vecchia legge e le sanzioni sono espresse in lire, 15-25 milioni).

Si tratta di una legge che si applica alla stampa che si cerca di imporre a chi gestisce i blog. Su richiesta di una parte offesa, il blogger sarebbe tenuto entro 48 ore a rettificare quanto scritto e ritenuto offensivo. Per chi gestisce questo tipo di siti, si tratta per la stragrande maggioranza di dilettanti dell’informazione, si tratta di un rischio che non può essere preso a cuor leggero.

Anche perché sborsare una media di 10000€ solo per andare in vacanza una settimana e trascurare una richiesta di rettifica non mi sembra un rischio da poco.

Per i siti informatici, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono»;

Non sono molto bravo con il legalese e vi rimando alla pagina dove si coordina l’iniziativa, un post su punto informatico che tratta la faccenda in modo che è stato comprensibile anche a me ed un link ad un post che pubblica il disegno di legge, perché bisogna sempre cercare di arrvare quanto più possibile vicino alle fonti.

A dire il vero per il tipo di post che pubblico, e per il volume di traffico che genero, non dovrei avere grosse grane dal decreto ma tant’è:

Prima di tutti, vennero a prendere gli zingari

e fui contento perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei

e stetti zitto perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali

e fui sollevato perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti

ed io non dissi niente perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendermi

e non c’era rimasto nessuno a protestare».

Edit: Sono proprio stordito, passo sul blog per caricare il logo dell’iniziativa e mi accorgo

  • di non aver pubblicato il post;
  • di non aver segnalato il sit-in organizzato per oggi alle 19:00 a Roma in Piazza Navona;
  • di non aver segnalato il video per lo spot (non che sia un trailer mozzafiato).

Ho ancora molto da imparare.

Written by Eineki

luglio 14, 2009 a 10:45 am

Pubblicato su polemica, Varie ed eventuali

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: