Experimentalia

Appunti raminghi

Spigolature: Il lavoro, L’Istat e Annozero

leave a comment »

Si, l’innumerevole e unesimo tentativo di imitazione (anche se di questo tentativo non penso se ne vanteranno mai)!

E’ un pò che penso a questa specie di rubrica, l’archivio di bozze è pieno di post che cominciano con una frase simile a questa. Stavolta potrebbe essere la volta buona, si tratterà di una serie di post estemporanei e legati alla cronaca e che ripostano brevissimi commenti su argomenti che mi colpiranno particolarmente. Niente di trascendentale, ovviamente, ma qualcosa letteralmente slegato dai temi che tratto (quando riesco a postare🙂 ) normalmente. Se non vi interessa quanto c’è scritto, non dovrete far altro che saltare il post.

La settimana scorsa sono stato colpito dalla concomitanza di due notizie, la prima che l’Istat non pubblicherà più i dati relativi agli scioperi in Italia perché considerato un compito troppo costoso, l’altra, più che una notizia è la reazione avuta da Emilio Fede durante la scorsa puntata di Annozero in relazione ad un servizio su alcuni lavoratori che sono stati costretti a salire su una gru per poter essere pagati dopo aver lavorato per mesi senza stipendio. Lavoratori extracomunitari, probabilmente clandestini, visto che lavorando in nero, non penso avessero diritto al permesso di soggiorno. Ma non è delle politiche sull’immigrazione italiane che voglio discutere. Quello che mi interessa è evidenziare come si sta chiudendo la morsa sul lavoro dipendente in questi ultimi tempi (almeno dal punto di vista mediatico).

Da una parte si riduce la visibilità alle vertenze, adducendo a costi insostenibili la decisione di smettere di tener conto di quante ore di sciopero vengono fatte in un anno.

Senza una fonte terza a cui fare riferimento non potremo far altro che seguire la solita battaglia di cifre tra chi li scioperi li fa e chi li subisce.

Sommate a questo l’atteggiamento di certa informazione che pensa di non dover assicurare copertura mediatica alle proteste per scoraggiare iniziative spettacolari che potrebbero sfociare in una tragedia1.

Condite il tutto con i tentativi di aggirare l’articolo 18 introducendo l’assenso preventico all’arbitrato nell’ultima legge approvata in Senato, e rimandata alle camere dal Presidente della Repubblica.

Che dire, ci aspettano tempi duri.

1) Senza contare l’intento di evitare il danno d’immagine per la società italiana che, nel caso in questione, si scoprirebbe razzista oltre che sfruttatrice.

Written by Eineki

aprile 7, 2010 a 15:15 pm

Pubblicato su spigolature

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: