Experimentalia

Appunti raminghi

Programmazione: I sette migliori libri in Italiano, per me

with 8 comments

Sette è il numero perfetto, come perfetti, o quasi, devono essere i libri che ho letto per poter entrare in questa lista. Si tratta di libri in italiano, inerenti la programmazione, che ho letto e che, per un motivo o per l’altro ho apprezzato particolarmente.

Volevo scrivere una lista dei migliori libri in italiano sulla programmazione e mi sono ritrovato ad elencare i libri che più di altri hanno forgiato le mie attitudini come programmatore. Alcuni sono recenti, altri li ho letti nella notte dei tempi e non sono più ristampati (ma si trovano nel mercato dell’usato) tutti però, hanno fatto accendere qualche lampadina che giaceva spenta nel mio cervello in attesa della rivelazione.

A differenza dei libri segnalati nella sezione libri da scaricare, non di tratterà di libri rilasciati online con licenza CC o similari; Si tratta di libri cartacei, qualcuno ormai quasi introvabile.

I libri, non voglio fare torto a nessuno di loro e, tra l’altro, non saprei come ordinarli per merito, saranno elencati in rigoroso ordine alfabetico.

Se qualcuno volesse segnalare quei libri che più gli sono stati utili, non ha altro da fare che scriverne tra i commenti, organizzare un pingback o quant’altro. Ovviamente i testi dovranno essere in Italiano, originali o tradotti. Apprezzerei anche due righe in cui spiegare perché è indispensabile leggerli. Buona scoperta.

Algoritmi + strutture dati = programmi

Niklaus Wirth

Il primo libro serio sulla programmazione, il world wide web era ancora da venire, i computer erano oasi nel deserto ed io perdevo le mie notti appresso ai puntatori, una meravigliosa risorsa per chi come me proveniva dalla programmazione in basic e voleva affrancarsi dalla maledizione di Dijkstra

“It is practically impossible to teach good programming to students that have had a prior exposure to BASIC: as potential programmers they are mentally mutilated beyond hope of regeneration”

Introduzione agli algoritmi e strutture dati

Cormen Leiserson Rivest Stein

Anche se si tratta di una introduzione, il catalogo di strutture dati ed algoritmi è quanto mai esaustivo per quanti si trovano a dover risolvere compiti quotidiani. Ovviamente implementerete raramente quanto illustrato, ci sono già fior fiori di librerie che risolvono i problemi esposti a disposizione ma, una solida conoscenza dei pro e contro delle tecniche illustrate permetterà di scegliere tra le soluzioni a disposizione quella più adatta al problema o, perché no, di scriverne una ad hoc se le altre vi sembreranno troppo povere.

Il linguaggio C

Brian Kerningham & Dennis Ritchie

Non si tratta di un libro sulla programmazione ma del manuale del linguaggio C. E’ un testo che va letto e meditato, prestando particolare attenzione agli esempi che restano, a tanti anni di distanza, delle perle di programmazione. Ricordo li trovai particolarmente difficili e fuori luogo per un manuale che doveva introdurre ad un nuovo linguaggio. In seconda, terza e anche quarta lettura mostrano tutto il loro potenziale (e continuano a rivelarsi ostici per un neofita). Da evitare le barbosissime appendici che non sono più neanche utili come riferimenti visto che gli help in linea sono oggi uno dei pilastri di ogni IDE che si rispetti. E se non usate un IDE, allora conoscerete le librerie a menadito😛

Linguaggi di programmazione, principi e paradigmi

Maurizio Gabrielli, Simone Martini

Direi che si tratta del libro più recente di questa lista. Non è stata una lettura facile, a ben pensarci nessuno dei libri riportato è stato facile da leggere di primo acchitto, ma è denso di informazioni. Ha avuto il pregio di permettermi di schematizzare alcuni concetti che aleggiavano nel mio subconscio di programmatore. E’ formale. E’ stringato. E’ l’unico libro tra quelli qui presentati scritto da autori italiani. Non si perde in esempi e chiacchiere, ogni parola che leggerete è funzionale al ragionamento esposto ma, proprio per questo motivo, va affrontato con consapevolezza.

Micromania, la resistibile ascesa dei personal computer

Charles Platt

Tutto quello che dovreste saprere sull’informatica ma che nessuno ha avuto mai il coraggio di dirvi. Un Must assoluto che dovreste procurarvi  assolutamente se avete mosso i primi passi nel mondo dei computer nei pioneristici anni ’80. Riuscirete a comprendere che la malattia che vi affligge è cronica, incurabile e vi porterà alla morte. Per fortuna senza fretta.

Programmare con i Giochi

Eric Solomon

Un tascabile della Boringhieri comprato quando ancora credevo di poter diventare ricco prima di diventare maggiorenne scrivendo il videogame perfetto e sbancando i botteghini. L’ho perso e ritrovato (un’altra copia) su una bancarella di libri usati in una fiera di paese qualche anno fa. Nonostante una traduzione orribile (una per tutti il porto stampanti per indicare la porta parallela) è una piccola riserva di algoritmi per risolvere problemi tipici di piccoli giochi senza pretese che tengono allenata la mente divertendo.

Tecniche e trucchi per programmare senza errori

Steve Mcguire

Il primo libro di una serie sulle strategie per programmare. Mi fece capire che più che programmare è importante fare in modo che il proprio lavoro sia fruibile e manutenibile prima ancora che formalmente corretto. Un avviso che dimentico molto spesso, la serie sul code-golf ne è un esempio lampante, ma che dovrebbe essere il faro che illumina il lavoro di ogni programmatore serio.

Fuori concorso il manuale operativo del commodore 64 che è stato in assoluto il mio primo libro riguardante i computer ed il primo libro non si scorda mai, e neanche le notti passate a trasformare il suono di un motore in quello di uno sparo😉

Written by Eineki

marzo 7, 2011 a 3:40 am

Pubblicato su libro, linguaggi, recensioni

Tagged with ,

8 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Letto il titolo del post mi son subito posto la retorica domanda del se avessi o meno parlato di ‘Linguaggi di programmazione, principi e paradigmi’ il capolavoro di Martini. Concordo con te ‘va affrontato con consapevolezza’ ma ogni programmatore (o che si definisca tale!) dovrebbe imbattersi in queste pagine.
    di recente e’ uscita la versione in inglese con vari miglioramenti (a sentir dire, non l’ho comprato)

    Paolo

    marzo 25, 2011 at 17:22 pm

  2. Piccola nota. “Linguaggi di programmazione: principi e paradigmi” in realtà non è di un autore di nome Gabrielli Simone Martini, ma di due diversi autori: Maurizio Gabrielli e Simone Martini.

    DummyGuy

    gennaio 16, 2013 at 18:08 pm

  3. Hai ragione, onta e disonore mi colgano! Correggo Subito

    Eineki

    gennaio 16, 2013 at 21:43 pm

  4. Ciao, sono una studentessa interessata alla programmazione: sono una principiante assoluta e le mie conoscenze di matematica si limitano al livello di un liceo: sapresti indicarmi un testo da cui cominciare?

    Eva

    novembre 18, 2014 at 8:01 am

  5. Ciao Eva, non c’è bisogno di competenze pregresse per imparare a programmare. Anche se alcuni aspetti della programmazione fanno molto affidamento sulla matematica, per la maggior parte dei casi le quattro operazioni sono tutto quello di cui avrai bisogno.

    Una certa familiarità con l’inglese invece potrà esserti di molto aiuto perché la maggior parte dei testi necessari a migliorare le proprie competenze sono scritte in quella lingua.

    Non conosco la tua età, dove abiti, ne’ la tua familiarità con l’inglese. Non so quali siano le tue preferenze sui linguaggi di programmazione
    ne’ sul modo di studiarli. Premesso questo mi permetto di consigliarti Thinking in python come primo testo.
    Il linguaggio ha una sintassi semplice perché creato pensando all’insegnamento. Nonostante questo non ha nulla da invidiare a linguaggi che possono apparire più professionali tanto che viene usato quotidianamente da moltissime aziende per i compiti più disparati.

    Il link dove potrai scaricare una versione elettronica del testo è http://www.python.it/doc/Howtothink/HowToThink_ITA.pdf
    Si tratta di un testo distribuito secondo licenza GFDL e quindi è liberamente utilizzabile quindi non farti scrupoli.

    Il sito della comunità italiana di python è http://www.python.it, quella internazionale si ritrova su http://www.python.org.

    Per finire vorrei segnalarti un sito http://www.coderdojoitalia.org dove potrai trovare una mappa aggiornata sulla diffusione sul territorio italiano di laboratori gratuiti di programmazione aperti a tutti i ragazzi a partire dai sette anni dove si impara a programmare tutti insieme usando un approccio divertente anche se rigoroso. Magari hai un dojo, i laboratori hanno questo soprannome, vicino casa ed una visita, anche per curiosare, è sempre salutata con entusiasmo.

    Spero che questo commento possa bastare ad indirizzati, se così non fosse non esitare a ricontattarmi.

    Eineki

    novembre 18, 2014 at 10:45 am

  6. Grazie mille per le informazioni!

    Eva

    novembre 18, 2014 at 16:24 pm

  7. Buongiorno e grazie,
    Mi sto approcciando all’argomento da totale neofita, ma con grandi aspirazioni. Quale può essere il testo giusto per iniziare, e magari il percorso migliore per imparare a programmare? Grazie in anticipo. Federico

    Federico

    maggio 22, 2016 at 11:41 am

  8. Grazie, grazie, grazie!!! Ho appena letto due righe a caso del libro che hai consigliato a Eva e ho finalmente “veramente” capito la differenza tra linguaggio compilato e interpretato. Ora sono costretta a chiedermi: le cento volte precedenti in cui ho letto la descrizione dei due metodi stavo dormendo? Oppure dormivano i cento autori mentre lo scrivevano?
    Ciao e ancora grazie.
    Rosa

    Rosa Zeno

    settembre 3, 2016 at 17:43 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: