Campi privati in Javascript

Con la traduzione di quest’ultimo pezzo penso di concludere la serie di traduzioni dei testi presenti sul sito di Douglas Crockford. Si è trattato di pezzi interessanti che hanno coperto aspetti del linguaggio Javascript che solitamente misconosciuti. Almeno per me lo erano, e non potrò mai ringraziare abbastanza l’autore per averli scritti ed avermi concesso di pubblicarne la traduzione.

In questo post Crockford illustra la possibilità di utilizzare le chiusure per dotare gli oggetti Javascript di membri privati. Al solito non si limita a riportare un pattern di programmazione ma si sofferma sulla sua implementazione e sui meccanismi che gli stanno dietro.

Buona lettura.

Continua a leggere “Campi privati in Javascript”

Annunci

Javascript: Ereditarietà basata su delega (Eredità prototipale)

Dopo la traduzione dell’illuminante divertissement sull’ereditarietà classica in Javascript. Douglas Crockford arriva a commentare il suo stesso articolo (a distanza di qualche anno) affermando che l’ereditarietà prototipale è di gran lunga più potente ed espressiva di quella basata su classi e che più si conosce Javascript e meno si utilizza ed apprezza quest’ultima. Ragione per cui ho deciso di tradurre anche il pezzo di Crockford che tratta l’ereditarietà prototipale. Ho invertito la posizione delle date rispetto alla versione originale mettendole all’inizio del parte di testo a loro associato, piuttosto che alla fine, perché la cosa mi lasciava un pò perplesso. Si tratta solamente di gusti personali, però.

Buona Lettura

Continua a leggere “Javascript: Ereditarietà basata su delega (Eredità prototipale)”

Ereditarietà classica in Javascript

E’ arrivato il momento di tradurre inheritance di Douglas Crockford. Si tratta del testo che più mi ha affascinato tra quelli che sono presenti sul suo sito. Mostra con semplicità le potenzialità del paradigma prototipale che sta alla base di Javascript. Se polimorfismo non fosse un termine troppo carico di significati in questo ambito lo userei.

Un appunto alla nota conclusiva aggiunta al pezzo da Crockford stesso, la trovate in fondo alla traduzione nel riquadro dal bordo nero. Sono daccordo solo parzialmente con l’autore quando scrive che i suoi tentativi di introdurre i pattern propri dei paradigmi dell’ereditarietà classica possono essere stati un errore. A parte la dimostrazione che Javascript può supportarli, non dobbiamo dimenticare che la stragrande maggioranza parte dei programmatori che si accingono ad utilizzare Javascript non lo acquisiscono come primo linguaggio e quindi hanno un’eredità di conoscenze che è una bella zavorra da portarsi dietro. Avere qualcosa di familiare a cui aggrapparsi mentre si svecchiano le proprie tecniche e si comincia a pensare in a Javascript way non può essere che un aiuto.

Ed ora non mi resta che augurarvi buona lettura

Continua a leggere “Ereditarietà classica in Javascript”

Javascript: Il piccolo programmatore Javascript

Una traduzione “di servizio” che completa, nel senso che traduce uno dei link che si incontrano, il primo a voler essere pignoli, nella traduzione precedente.

Il tutto in attesa di arrivare alla traduzione di un pezzo sull’ereditarietà in javascript che è una piccola perla di rara concisione e chiarezza (ovviamente a mio parere).

Al solito i commenti sono aperti d in attesa di suggerimenti e correzioni.

Buona lettura

Continua a leggere “Javascript: Il piccolo programmatore Javascript”

Javascript: Il linguaggio di programmazione più incompreso del mondo

Crockford mantiene le specifiche di JSON. Crockford da parte del comitato ECMA per la standardizzazione di Javascript. Crockford ha scritto una serie di post su javascript che mi sento di condividere e che sono stati tradotti in diverse lingue tra cui il cinese ed il turco (con buona pace dei leghisti) ma non in italiano. Google non mi ha indirizzato ad altre traduzioni del pezzo che troverete di seguito. Non mi resta che ringraziare Douglas Crockford per la pronta e positiva risposta alla mia proposta di traduzione.
Continua a leggere “Javascript: Il linguaggio di programmazione più incompreso del mondo”